L’attesa ripartenza sta per arrivare. A scaglioni, nel rispetto di precise norme di sicurezza, ma soprattutto nella speranza che il contagio scenda e l’economia possa riprendere fiato. Le aziende si preparano a riaprire i battenti e a rimettere in moto la produzione; i Comuni stanno lentamente sciogliendo i nodi ai cancelli delle piazzole ecologiche e anche il sistema rifiuti scalda i motori per tornare a operare a pieno regime. Anche se tutto il settore è stato identificato come un ambito a carattere di pubblica utilità, i flussi si sono notevolmente ridotti. Ora che ci si appresta a ripartire, è bene tenere in considerazione alcuni aspetti, per non vanificare gli sforzi ambientali fatti e assicurare una corretta gestione delle diverse tipologie di rifiuti che vengono prodotte. 

Il Consorzio Ecolight ed Ecolight Servizi hanno predisposto un vademecum per aiutare le aziende, gli enti e i professionisti a gestire correttamente i rifiuti. 

  • Il rifiuto è un oggetto, quindi può essere elemento attraverso il quale il contagio si può diffondere. È bene quindi trattare ogni genere di rifiuto sempre indossando guanti e mascherina e lavarsi bene le mani una volta spostato.
  • Riporre i rifiuti in un ambiente isolato ma facilmente accessibile. Due elementi che diventano fondamentali in questo momento: innanzitutto per evitare che altre persone possano entrare in contatto con i materiali di scarto; non certo secondo, per agevolare la fase di ritiro. 
  • In fase di stoccaggio predisporre i rifiuti già divisi per tipologia. Fotocopiatori, lampadine e vecchi pc andranno insieme a tutti i RAEE; per la carta e il cartone sarà predisposto uno spazio apposito, mentre le pile e gli accumulatori esausti andranno messi nei contenitori specifici in modo che le sostanze inquinanti contenute non possano disperdersi nell’ambiente.
  • Predisporre la sanificazione degli spazi di stoccaggio una volta che i rifiuti sono stati ritirati. Indicazione non banale per mantenere elevato il livello di sicurezza in ogni ambiente di lavoro e quindi proteggere i dipendenti.
  • Tenere aggiornati i documenti relativi alla gestione dei rifiuti: la compilazione del registro di carico e scarico non è stata sospesa dall’emergenza Coronavirus.

Per ogni richiesta di assistenza, Ecolight Servizi e Consorzio Ecolight non si sono mai fermati e hanno continuato, nel rispetto di tutte le normative di sicurezza, ad operare in aiuto alle aziende e in favore dell’ambiente.