Pile e RAEE si uniscono ad Ecomondo 2019. Il Centro di Coordinamento RAEE e il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori, dei quali il consorzio Ecolight è parte attiva, hanno uno spazio unico alla fiera della green economy in programma a Rimini dal 5 all’8 novembre. All’interno del padiglione B3 (stand 027), lo spazio è stato concepito per permettere ai team delle sedi di dialogare e incontrare tutti gli stakeholder, i propri consorziati e i visitatori che desiderano avere informazioni o approfondimenti sul mondo dei rifiuti elettrici ed elettronici. 

Alla base di questa scelta vi è la volontà di valorizzare appieno gli approcci metodologici e le peculiarità specifiche dei sistemi multiconsortili regolati. Al tempo stesso, la decisione da parte del CdC RAEE e del CDCNPA di partecipare insieme va nella direzione di sperimentare le indicazioni di riforma imposte dalle Direttive UE 2018 sui rifiuti note come “Pacchetto Economia Circolare” entrate in vigore con la pubblicazione della legge delega n. 117 del 4 ottobre 2019. Le Direttive, che dovranno essere recepite dal Governo entro il 5 luglio 2020, prevedono la riforma dei sistemi di gestione dei rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) e di quelli di Pile ed Accumulatori (RPA) mediante la definizione di obiettivi di gestione e di modalità semplificate per la raccolta, e l’adeguamento alle nuove disposizioni dello schema di Responsabilità Estesa del Produttore. 

L’Italia mette così in vetrina le funzionalità e l’efficienza dei sistemi multiconsortili regolati, forti delle esperienze di successo degli ultimi dieci anni. I due consorzi condividono metodologie di approccio e capacità di servizio su tutto il territorio nazionale e aderiscono ai medesimi principi di efficienza ed efficacia della raccolta dei rispettivi rifiuti, a dimostrazione che gli aspetti positivi della concorrenzialità convivono efficacemente con la qualità e la puntualità del servizio.